Dichiarato

13 Feb

La cosa bella della vita è la felicità, che alla fine dipende da reazioni chimiche del cervello, tipo endorfina e altre sostanze che scorrazzano nelle sinapsi. La cosa fondamentale, quindi, è mettere in moto queste reazioni, ed è bello quando ci si riesce, se poi capita inaspettatamente, la vita diventa improvvisamente bellissima.

A me è successo oggi, non solo per la giornata fredda e luminosissima, il cielo terso, pulito anche se due giorni fa pare che dovesse arrivare una nube di smog tossico dalla Cina. Che poi non so se è arrivata ma avevo un sacco di vestiti da lavare, ho deciso che era già passata e ho fatto il bucato. Ma, dicevo, non è questo il punto. Il fatto è che sono andato a fare la dichiarazione dei redditi. Sembra strano, ma mi ha provocato gioia. Era una cosa che rimandavo da tempo, ma avendo deciso di avvalermi dell’assicurazione sanitaria statale giapponese, è necessario essere un soggetto fiscale. Mi aspettavo code, rimbalzi da uno sportello all’altro, disperazione e ere geologiche regalate alla burocrazia. Invece no: negli uffici del comune c’è una stanza con due impiegati pagati per assistere i contribuenti che non ce la fanno a dichiarare on line o via posta: vale a dire gli anziani del quartiere e io. Con molta gentilezza mi hanno fatto riempire i moduli e nonostante la mia situazione salariale complessa tutto è andato a posto senza drammi. “Non hai le ricevute dei pagamenti? Non importa, scrivi qui un pressappoco di quello che hai guadagnato e siamo a posto”. Insomma mi sembra di aver percepito della fiducia nel contribuente, uno spirito di semplificazione trionfante. Il giovane impiegato, poi, era cortese e premuroso, mi ha aiutato con i kanji che non conoscevo, e poi siamo finiti a parlare di musica e del fatto che l’ufficio comunale ha una sala concerti niente male. È vera quella cosa sugli animali e sui carcerati, ma io aggiungerei che il livello di civiltà di un paese si vede da come tratta i contribuenti.

Declaration of the Reddits of Japan

Annunci

4 Risposte to “Dichiarato”

  1. bamako 13 febbraio 2013 a 09:57 #

    Sottoscritto!

  2. Vera 13 febbraio 2013 a 23:23 #

    che invidia…

  3. silviaC 14 febbraio 2013 a 20:17 #

    Condivido. Un Paese dove il manuale con le istruzioni per la compilazione di un modello SEMPLIFICATO di dichiarazione dei redditi è di 111 pagine non può dirsi civile.

  4. Mariapaola Regis 14 febbraio 2013 a 20:41 #

    Secoli di cristianesimo VS secoli di confucianesimo e buddismo…………..a confronto col Giappone l’italia è in pieno medioevo. Beato te pesceriso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: