In attesa tempestosa

3 Apr

Certe cose si capiscono solo se ti ci immergi, se ci vai e, magari, ci vivi.
Molti forse non afferrano completamente il valore che ha, per i giapponesi, la visione dei ciliegi in fiore.

Oggi è arrivato, come previsto, un uragano con venti a 200 Km/h, pioggia torrenziale, masserizie fatte volare per tutta la città, palazzi che si flettono, uffici chiusi, cielo apocalittico, rumori inquietanti, danni agli edifici, treni fermi e altre amenità del genere. Un evento come questo, pure nella sua forza straordinaria, è normale, prevedibile nel paese in cui vivo. In Giappone la forza della natura ha quasi sempre un atteggiamento mostruoso, che siano tifoni, terremoti, maremoti o le temperature sfiancanti. Una bella giornata di sole terso è un dono raro, un tramonto limpido è preziosissimo, e la fioritura è una promessa mantenuta, nonostante tutto, dalle stagioni.
Ecco che cosa è per me e per altri 120 milioni di persone questa esplosione di fiori che, se non se li è portati via il vento, dovrebbe arrivare questa settimana.

Annunci

4 Risposte to “In attesa tempestosa”

  1. Ilo 3 aprile 2012 a 14:58 #

    Non lo capisco fino in fondo, perché non lo vivo.

    Ma da quando ho letto qualcosa in proposito in un libro di viaggio in Giappone; da quando quel racconto mi ha totalmente affascinato, sto aspettando che sboccino seguendo il fronte dei sakura. Mi godrò l’hanami, a mio modo, da quest’altra parte di mondo.

    (Raccontaci ancora qualcos’altro sull’inizio della primavera a Tokyo!☺)

  2. Fameee 3 aprile 2012 a 15:17 #

    ce pore !

  3. Nicola 5 aprile 2012 a 14:19 #

    Sono scappato da una Tokyo fredda e ventosa e dai ciliegi tardivi per trovarmi in una Nara/Kyoto ancora più fredda (sabato è addirittura prevista la neve).

    A proposito di ciliegi ed eventuali hanami, Flavio, una rispostina me la potevi anche dare, non credi? Bastava anche un semplice “non ho tempo”, mica mi offendevo…

  4. Sara77 9 maggio 2012 a 09:26 #

    Ho vissuto l’uragano e la pioggia torrenziale del 3 aprile a Tokyo, ho trovato il nevischio a Nara e molto freddo a Kyoto appena qualche giorno dopo, a Miyajima c’era talmente tanta nebbia che non si vedeva quasi niente…la forza della natura ha tentato in ogni modo di “congelare” il mio entusiasmo, di “annegare” la felicità di essere arrivata finalmente in Giappone…ma non ce l’ha fatta ed anche se le mie foto hanno lo sfondo grigio e non azzurro, le due settimane trascorse lì saranno le settimane “più azzurre” della mia vita! E poi i ciliegi in fiore sono affascinanti anche con le nuvolette intorno!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: