Ridere in giapponese 1 : Cocorico Mirakuru Taipu

22 Dic

Oggi comincia una mini rubrica di Pesceriso, e questa rubrica parla delle cose che mi fanno ridere.

Una aspetto della vita in Giappone che mi soddisfa pienamente è la comicità. Ancora prima di capire la lingua avevo l’impressione che si trattasse di un campo abbastanza estremo. Adesso che non ho problemi di comprensione mi rendo conto che non mi sbagliavo.
Il genere che preferisco, da quando sono bambino, è l’ironia surreale, l’esagerazione che fa partire per la tangente delle situazioni realistiche o verosimili. In questo, secondo me, i comici giapponesi non hanno rivali. Il nonsense spesso compare dove meno me lo aspetterei, ad esempio in pubblicità televisive, in programmi di varietà, e generazioni di comici ci hanno campato e ci campano.
Uno dei gruppi che vorrei proporvi si chiama ココリコミラクルタイプ, ovvero Kokoriko Mirakuru Taipu (ovvero Cocorico Miracle Type, se mai avesse un senso in inglese).
Principalmente si tratta di caricature eseguite su situazioni molto verosimili, molto quotidiane, su personaggi con cui chiunque entra in contatto nella vita di ogni giorno. Non so se per i non parlanti giapponese risulti divertente, ma mi interesserebbe avere le vostre impressioni.

Qui una ragazza scopre di essere tradita e adotta la tecnica di rifiutare la realtà dei fatti

Qui due donne sono invitate a cena da due vitelloni e mentre una è stagionata e acida, l’altra è espertissima nell’arte di intortare gli uomini e di farsi odiare dalla di cui sopra

Qui c’è il punto di vista di un maschio nei confronti di due tipi diversi di donna

Insulti in dialetto

Una fidanzata con tendenze sadiche

Annunci

5 Risposte to “Ridere in giapponese 1 : Cocorico Mirakuru Taipu”

  1. Ilo 22 dicembre 2011 a 12:37 #

    Pur non avendo capito un’acca (tranne, ammetto, “kawaii”), mi hanno fatto ridere per l’uso della musica e dei suoni.

    Purtroppo non ho capito per niente il terzo (il confronto tra i due tipi di donna).

    L’ultimo mi ha fatto ridere assaj, “battitura” del coniglietto rosa incluso (anzi, soprattutto).

    La battaglia d’insulti mi ha ricordato un po’ gli incontri di calabrese estremo: http://www.la7.it/programmi/lillo_e_greg/video-i335458

    (Era una sorta di battaglia, vero? O non ci ho capito veramente niente?!)

  2. soleil / mammaoggilavora 24 dicembre 2011 a 15:03 #

    non ho capito nulla
    però i video sono divertenti, si capisce abbastanza qual e’ lo stereotipo giapponese in fatto di donne 🙂 e la comunicazione non verbale è eccellente

  3. Matteo G. 24 dicembre 2011 a 23:29 #

    Le mie conoscenze di Giapponese non sono ancora particolarmente ampie, ma tutti gli sketch (Insulti in dialetto a parte) son stati abbastanza facilmente comprensibili. Il primo è davvero esilarante!

    Dalle mie parti è da poco scoccata la mezzanotte mentre da voi è già mattina: auguri per un sereno Natale Fabio!

  4. Matteo G. 24 dicembre 2011 a 23:59 #

    Autocorreggo una mia possibile gaffe: per le vacanze di Natale dovresti esser tornato, se ricordo bene, qua nel Bel Paese! Beh, auguri in ogni caso 😉

  5. Riccardo 25 dicembre 2011 a 05:23 #

    Culo pesante, traducilo per i tuoi lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: