Domenica

13 Mar

Stamattina c’è stata una scossa di assestamento che in un momento “normale” sarebbe diventata l’argomento del giorno, adesso passa così, subito dimenticata.
Questa domenica è una giornata per cercare di dimenticare, distrarsi, respirare l’aria soleggiata che c’è fuori.
Personalmente decido di prendere una pausa dalla televisione, dalle notizie, dalla paura e con Yuki andiamo a Ueno per pranzo.
In giro per la città si vedono facce tese, stanche, stressate.
Noi ci consoliamo con sushi e Sake caldo. Sono le 15.30, tardissimo per un pranzo, il ristorante di sushi è pieno, segno che tutti hanno perso il senso del tempo. Ogni persona sembra aver passato i giorni più spaventosi della propria vita. E sembra voler lasciarseli alle spalle.
Oggi, ad esempio, il lavoro che era stato programmato una settimana fa, si è svolto regolarmente. Con i ragazzi abbiamo cercato di evitare il discorso della calamità, ma di fatto tutti sanno che la situazione è drammatica.
La centrale nucleare è lì, minacciosa, solo che noi non possiamo fare niente.
Non è una bella sensazione.

Annunci

4 Risposte to “Domenica”

  1. il Vecchio Rob 13 marzo 2011 a 11:07 #

    Mi hai fatto ricordare un libro di Murakami che amo. Per il nome Yuki, bellissimo, e perché
    “Un passo dopo l’altro, continua a danzare. E tutto ciò che era irrigidito e bloccato piano piano comincerà a sciogliersi. Per certe cose non è ancora troppo tardi. I mezzi che hai, usali tutti. Fai del tuo meglio. Non devi avere paura di nulla. Adesso sei stanco. Stanco e spaventato. Capita a tutti. Ti sembra sbagliato. Per questo i tuoi piedi si bloccano”.
    Alzai gli occhi e guardai la sua ombra sul muro.
    “Danzare è la tua unica possibilità” continuò “devi danzare, e danzare bene. Tanto bene da lasciare tutti a bocca aperta. Se lo fai, forse anch’io potrò darti una mano. Finché c’è musica, devi danzare!”

    Hold on.

  2. Anna 13 marzo 2011 a 13:13 #

    E’ tardi per il pranzo ma il ristorante è pieno: piccoli segni che danno l’idea dello sconvolgimento, anche emotivo, del Paese…

    Forza!

    • Beatrice 13 marzo 2011 a 13:34 #

      Approdo sul tuo blog in un momento così doloroso che mi vengono i lucciconi solo a leggerti.
      Il Giappone è il mio secondo posto nel mondo.
      Ti leggerò tutti i giorni, da oggi, sperando di leggere solo sorrisi. E tremori di felicità.

  3. giardinodelleidee 13 marzo 2011 a 13:34 #

    seguo le notizie che arrivano in italia, vi sono vicina…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: